Siracusa, risale la febbre azzurra: si prepara una gran cornice per le prossime due sfide interne

Santa Croce ma soprattutto Modica: i tifosi cominciano a mobilitarsi dopo la scalata della squadra di Cacciola

Tifosi e squadra a Comiso (foto Simona Amato)

Due punti dalla vetta del girone B di Eccellenza, il secondo posto in classifica al pari del Taormina, col Modica per la prima volta messosi alle spalle in questo campionato. Risale la febbre azzurra, un'adrenalina che mancava da qualche anno (al netto della finale play off di un anno e mezzo fa persa col Giarre) e che adesso torna prepotentemente. I tifosi stanno pian piano tornando in massa, c'è chi ci è sempre stato, chi con i nuovi risultati e l'obiettivo concreto del salto di categoria, sta tornando a far battere il proprio cuore per il Siracusa Calcio. Si legge sui social, nelle chat fra tifosi ma anche di presenza, con un consistente numero di sostenitori domenica a Comiso. Da stamani sono iniziati i lavori per la sistemazione della copertura della tribuna e se tutto andrà per il verso giusto, domenica in occasione della sfida al Santa Croce, il Siracusa potrà riavere il proprio pubblico nel settore centrale dello stadio De Simone. Si prepara già una buona cornice di pubblico, ma l'obiettivo sarà quello di avere il pienone (al netto dei settori fruibili visto che la gradinata è ancora out) per la sfida del 5 febbraio contro il Modica, altro crocevia importante per la squadra di Gaspare Cacciola. Che, intanto, ha iniziato a viaggiare a ritmi da primato, con un filotto importante ma non ancora decisivo. 


💬 Commenti