Aretusa 94, pari spettacolare ad Augusta e titolo di campione d'inverno

Nella Serie D maschile la squadra di Trotolo fa 3-3 dopo 7 vittorie consecutive ma è prima al giro di boa

Aretusa '94 campione d'inverno al giro di boa della Serie D provinciale di calcio a 5. La squadra di Giorgio Trotolo, seppur avendo ottenuto il primo pari stagionale (3-3 al Pala Jonio contro il Megara Augusta) dopo sette vittorie in otto incontri, è arrivata in testa al termine del girone di andata, con quattro punti di vantaggio sul Team Sport Solarino che aveva invece violato il campo della Futsal Leonzio per 3-2.

Tornando al 3-3 che ha visto protagonista l'attuale capolista occorre rimarcare che si è trattato di un match ricco di capovolgimenti di fronte: partenza sprint dei padroni di casa che imprimono subito un ritmo alto alla gara mettendo in difficoltà gli aretusei, trovando il vantaggio sfruttando uno schema su fallo laterale, con Spanò bravo a prendere alle spalle il proprio marcatore e a battere l’incolpevole Sapienza. La reazione dei ragazzi di Trotolo non tarda ad arrivare, con la risposta di Coscione che realizza due reti nel giro di pochi minuti con un potente tiro dalla distanza e successivamente sfruttando una iniziativa di capitan Castagnino bravo a saltare due avversari e ad offrire al compagno un comodo assist da depositare in rete. 
Ribaltato il risultato, i siracusani rischiano di siglare anche la terza rete ma l’imprecisione sotto porta e alcuni interventi di Cassarino evitano il peggio ai megaresi che, ripresisi dal momentaneo sbandamento, pervengono al pareggio sul finire della prima frazione di gioco con Ranno che scaglia un bolide alla sinistra di Sapienza.
Le squadre vanno al riposo sul 2-2 e nel secondo tempo gli ospiti alzano la linea difensiva cercando di pressare gli augustani nella loro metà campo: questo atteggiamento favorisce la produzione di occasioni da rete da una parte e dall’altra. I ritmi alti evidenziano le qualità dei giocatori più tecnici e Baudo con un colpo da biliardo insacca la sfera nell’angolino alto alla sinistra di Sapienza riportando avanti i suoi. 
Trotolo chiama il time-out per incitare i suoi a riprendere le redini del gioco per raggiungere il pareggio, andando a pressare a tutto campo con il pericolo di subire le ripartenze avversarie e su una di queste il Megara coglie un palo clamoroso anche se a due minuti dalla fine ci pensa Castagnino con un preciso sinistro leggermente deviato a ristabilire il risultato di parità. Ultimi minuti di gioco concitati con i giocatori di entrambe le squadre che lottano fino al triplice fischio finale accolto dagli applausi dei pochi spettatori presenti. 
 


💬 Commenti