Con la Coppa Italia di Promozione scatterà anche la stagione delle cinque formazioni siracusane impegnate nel girone D. Tutte domani in campo (fischio d’inizio alle ore 16) e con un unico derby, quello del “Comunale” di Canicattini che vedrà i locali di Nicola Bonarrivo ricevere il Priolo di Nico Porchia.

Sentiamo cosa hanno detto i tecnici alla vigilia di questi impegni

Nicola Bonarrivo (Canicattini): “Abbiamo iniziato la preparazione un po’ più tardi e siamo in rodaggio, abbiamo diversi giovani e stiamo cercando di completare la squadra con innesti mirati di esperienza in quanto siamo un po’ carenti. Credo che in un paio di settimane potremo completare l’organico con atleti che facciano al caso nostro”.

Nico Porchia (Priolo): “La gara contro il Canicattini è molto importante perché vogliamo onorare tutte le competizioni - ha detto ai canali ufficiali del club -. La squadra ha moltissimi nuovi elementi ed è ancora più giovane di quella dell'anno scorso. Ci vorrà ancora del tempo per incamerare alcuni meccanismi. L'obiettivo è passare il turno".

Le altre tre siracusane avranno altrettanti avversari ancora un po’ indecifrabili. Il Megara Augusta riceverà il Villaggio Sant’Agata in un “Megarello” a porte chiuse. Questa l’analisi del tecnico ai canali ufficiali del club.

Saro Monaca: “Scenderemo in campo intanto con un grosso pensiero al nostro Buccio Bellavita, protagonista suo malgrado di un brutto incidente giorni fa, ma si sta riprendendo e gli auguriamo una pronta guarigione. A questa Coppa ci arriveremo dopo quasi un mese di lavoro, con tanti carichi che ci porterà ad essere un po’ imballati ma credo sia normale in questo periodo. Cercheremo di fare la nostra gara in casa anche se la qualificazione si giocherà sui 180 minuti e una condizione che crescerà giorno dopo giorno. C’è un mercato dove siamo ancora protagonisti, quindi servirà del tempo per amalgamare il tutto”.

Il Palazzolo sarà invece di scena a Vizzini, con l’avvio della preparazione dopo Ferragosto e un mercato che vede la squadra ancora in evoluzione.

Peppe Matarazzo: “Numericamente siamo in 22 e attendiamo ancora due atleti che si aggregheranno la prossima settimana. La preparazione procede bene anche se siamo leggermente in ritardo, ma penso che si sta formando una squadra che si farà rispettare. Si sta creando un bel collante fra i più grandi e i giovani, con un’età media sempre molto bassa. Siamo convinti che potremo lottare per le zone alte della classifica e vedremo il campionato cosa dirà in futuro”.

E infine l’Avola, che al “Di Pasquale” riceverà l’Ispica: anche i rossoblù sono squadra che ha migliorato il proprio organico e punta a disputare un torneo di alto livello.

Attilio Sirugo: “Abbiamo concluso la terza settimana di preparazione con questo primo impegno ufficiale di Coppa e sono soddisfatto del primo approccio con i ragazzi, perché si stanno applicando. La Coppa è una competizione affascinante che a noi piace molto e speriamo che il pubblico venga in massa a sostenerci, con l’auspicio che si possa regalare loro la prima soddisfazione della stagione contro una squadra di tutto rispetto che cercherà anch’essa di disputare la propria gara”.


💬 Commenti

Supplemento telematico del periodico sportivo Lo Sport Illustrato

Registrazione al Tribunale di Siracusa n. 5 del 14.8.2014 | Editore LM Aretusa

Powered by Slyvi