Tante emozioni alla “Caldarella”, Ortigia stoppata dal Trieste

Biancoverdi avanti poi raggiunti e superati fino alla definitiva parità: contestata la direzione arbitrale

Una fase d’attacco dell’Ortigia contro Trieste

Primo rallentamento in campionato per l’Ortigia che dopo aver sempre vinto in campionato, viene stoppata in casa da Trieste. L’8-8 final è stato lo specchio di una gara ben giocata nei primi due tempi, meno nel terzo con un quarto in crescendo anche se verrà contestata parecchio a fine gara la direzione arbitrale per un gioco giudicato troppo violento dagli alabardati.

Trieste va subito avanti nel primo quarto ma l’Ortigia, dopo aver fallito un paio di occasioni complice ultimo passaggio errato, la riporta in parità con il rigore di Gallo e riesce poi ad andare sul 2-1 nell’azione successiva grazie a Klikovac che recupera palla dopo un controfallo fischiato agli alabardati praticamente sottoporta e non fallisce il bersaflop. Poi qualche errore (una traversa di Ferrero) in fase di conclusione ma il risultato non si schioda più. 

Nel secondo parziale l’Ortigia non sfrutta le superiorità ma va comunque a segno con Di Luciano e Vidovic provando ad allungare grazie ad una difesa che sembra reggere anche se Trieste, trova due bordate con Podgornik e Inaba che tengono in gara gli alabradati.

Black out Ortigia all’inizio del terzo quarto, Trieste piazza un importante +3 e sale di due reti sopra i biancoverdi. La tensione sale perché gli alabardati in alcune occasioni usano troppo le maniere forti e ne fa le spese Rossi costretto a uscire temporaneamente per un colpo al volto. L’Ortigia ha un sussulto con Francesco Cassia che con la sua doppietta riporta il match in parità. I biancoverdi però hanno ancora il torto di non sfruttare le superiorità (di due uomini a 1’ dalla sirena) per rimettere la freccia e all’ultimo intervallo si va sul 6-6.

L’ultimo quarto si gioca sul filo del rasoio e a fil di nervi, l’Ortigia va di nuovo avanti ma viene raggiunta definitivamente e nel finale spreca il match ball con Vidovic a 20 secondi dalla fine.

Alla sirena finale va bene così perché l’Ortigia, priva di Napolitano e Mirarchi fermati dal Covid, aveva anche rischiato di perdere contro il sette che qualche settimana fa aveva battuto persino i campioni in carica del Brescia.

Il tabellino

CC Ortigia - Pallanuoto Trieste 8-8

CC Ortigia: Tempesti, F. Cassia 3, F. Condemi, A. Condemi, Klikovac 1, Ferrero 1, Di Luciano 1, Gallo 1, Giribaldi, Rossi, Vidovic 1, L. Cassia, Piccionetti. All. Piccardo.

Pallanuoto Trieste: Oliva, Podgornik 1, Petronio 3, Buljubasic, Vrlic, Jankovic 1, Bego, Mezzarobba 1, Razzi 1, Inaba 2, Bini 1, Mladossich, Seppi. All. Bettini.

Arbitri: Bianco e Navarra 

Parziali: 2-1, 2-2, 2-3, 2-2

Note: sup 2/8 Ortigia + 1 rig.; sup. 3/8 Trieste.


💬 Commenti