Dalla finale di Coppa Italia alla designazione europea, l'emozione di Manuel Attard

Il fischietto priolese e un ulteriore riconoscimento in carriera

Attard (il primo da dx) con Mazzoni, Valzani e Bongiorni a Pesaro

L'ennesimo riconoscimento alla carriera per Manuel Attard arriva dalla designazione della finalissima di Coppa Italia. L'arbitro priolese, infatti, ha diretto l'ultimo atto della Final Eight di Coppa Italia di pallacanestro tra l’Armani Exchange Milano e Bertrand Derthona Tortona, con quest’ultima che, a sorpresa, ha sconfitto Bologna. Attard, 35 anni, ha già accumulato diverse esperienze anche di profilo internazionale, infatti un anno fa prese parte alla alla Final four dell’Eurolega femminile. Sugli spalti, a seguire Milano-Tortona (finale vinta dal quintetto lombardo) c’era anche una vecchia conoscenza di Manuel Attard, Gino Coppa fratello di Santino, che ha assistito alla gara e si è complimentato, unitamente a Sofia Vinci, con il concittadino, per una Priolo che - nella pallacanestro - continua ancora e comunque a far parlare di sé in giro per l'Italia. 

“E' stata una bella emozione aver arbitrato per la prima volta la finale di Coppa Italia. Belle emozioni portare il nome di Priolo in giro per l'Italia. Sono molto contento, è innegabile ma allo stesso tempo pronto per nuove sfide”. Venerdì prossimo, infatti, Attard dirigerà Israele-Germania, gara valida per le qualificazioni mondiali.


💬 Commenti