Paomar, si chiude quinti: “Bravi nonostante qui lo sport non sia di casa”

La società di Carpinteri fa il bilancio al primo anno in B denunciando ancora le condizioni degli impianti

Paomar ko anche all’ultima di campionato, niente terzo posto ma la società plaude comunque alla prima stagione di Serie B maschile e guarda già alla prossima stagione: “Nei prossimi giorni programmeremo tutto con calma - dice la società - il tempo di resettare, capire da dove e con chi ripartire e ci saremo”.

La chiusura contro Palermo non è stata felice. Al Pala Pino Corso è arrivata una sconfitta che non ha permesso ai ragazzi di Mirko Peluso di chiudere terzi, a vantaggio proprio dei palermitani ma il roster aretuseo aveva pregiudicato tutto perdendo la settimana precedente sul campo della retrocessa Volley Catania. Ad ogni modo, il quinto posto finale non può rappresentare un bilancio negativo per una società che arrivava da due promozioni di fila e al primo anno tra i cadetti, ha anche sfiorato i play off visto che un mese fa nello scontro diretto con Lamezia che ha chiuso al secondo posto, è arrivato a un passo dall’aggancio ai calabresi.

L’1-3 (25-27; 25-15; 22-25; 24-26) contro Volo Saber Palermo - a detta della società - è stata lo specchio di “Una buona prova dei nostri avversari che permette loro di portare a casa i 3 punti facendoci scivolare al quinto posto. Siamo comunque orgogliosi del percorso fatto in questa stagione e consapevoli di quanto forti siano i nostri ragazzi che hanno permesso alla nostra società, approdata in serie B quest’anno per la prima volta nella sua breve storia, di farsi notare e di portare in alto lo sport siracusano, soprattutto la pallavolo maschile che, a questi livelli, mancava nella provincia aretusea da diversi anni, nonostante le mille difficoltà dovute all’amministrazione comunale che sembra voler remare contro le società sportive non prendendosi cura degli impianti sportivi e facendoci quindi rinunciare per un’intera stagione alla presenza fondamentale del pubblico nelle partite casalinghe e nonostante la pandemia che ci ha bloccati più di una volta! Comunque i ragazzi guidati da mister Peluso sono sempre riusciti a condurre un buonissimo campionato non facendoci mai dubitare delle loro qualità e non facendoci mai assaporare il brivido della retrocessione nonostante l’obiettivo di inizio stagione fosse semplicemente la salvezza! È vero, avremmo potuto raggiungere il terzo posto e fare un po’ di più, ma questo quinto posto è comunque una grandissima soddisfazione, soprattutto considerando che la maggioranza dei ragazzi scesi in campo con la nostra maglia in questa stagione faceva parte del roster che ci ha portati alla promozione lo scorso anno“.


💬 Commenti