Il gol vittoria di Mongelli (Foto Francesco Anfuso)
Il gol vittoria di Mongelli (Foto Francesco Anfuso)

Megara con Frigintini e Vittoria dopo due giornate in vetta alla classifica del girone D di Promozione. Ancora troppo poche, per dare l'idea di chi potrebbe farla da padrone. Sempre che il torneo sviluppi una favorita assoluta su tutte le altre. La squadra augustana di Saro Monaca ha però iniziato con il piede sull'acceleratore e dopo l'exploit di Mascalucia, ha superato in casa il Canicattini di Nicola Bonarrivo, non più la squadra materasso con la quale aveva iniziato la stagione in Coppa Italia. 

Con qualche innesto e alcuni stranieri che si sono subito integrati - ha detto il dirigente canarino Stefano Cultrera - dobbiamo essere fiduciosi di risalire la classifica. Ci vuole ancora un po' di tempo ma ce la metteremo tutta perché questa società ha compiuto 100 anni di storia lo scorso anno e faremo di tutto per tenerla sempre viva”.

E ce ne siamo accorti - ha detto il tecnico Saro Monaca ai canali ufficiali del club - perché l'avversario ha cercato di chiudere tutti gli spazi e siamo stati bravi a sbloccarla con Mongelli ad un quarto d'ora dalla fine, dopo aver inserito tutto il potenziale davanti di cui disponiamo. Non era semplice perché in gare come queste se non trovi la giocata giusta rischi di non portare a casa l'intera posta. Bravo Mongelli che si è subito inserito”. 

A ridosso delle battistrada, però, risalgono prepotentemente Priolo e Avola. La squadra di Nico Porchia è andata a imporsi nettamente a Vizzini grazie alle doppiette di Fruci e Busà, su un campo ostico ma nel quale i priolesi non sono apparsi per nulla intimoriti: “Avevamo sei assenze importanti - ha detto il tecnico Porchia - e fare un grande risultato come questo è motivo di orgoglio per noi. Non era facile soprattutto dopo aver subito il pareggio al termine del primo tempo. C'è stato un po' di marasma nella ripresa ma credo sia anche normale. Siamo felici ma subito concentrati per i prossimi obiettivi”.

Sorride anche l'Avola di Attilio Sirugo che ai canali ufficiali del club ha detto: “Siamo soddisfatti perché abbiamo superato un avversario difficile che darà del filo da torcere a tutti. Sono contento anche per le persone che sono venuti a sostenerci. Peccato per il gol subìto nel finale, potevamo chiuderla prima ma alla fine non si può non essere soddisfatti di questo risultato, per come lo abbiamo ottenuto e anche per una fase difensiva fatta davvero in maniera egregia. Senza quel rigore avremmo chiuso anche questa partita con la porta inviolata ma va bene così”.

Mastica amaro il Palazzolo, ko a Vittoria, anche se il tecnico Peppe Matarazzo non fa drammi: "Non ho nulla da rimproverare alla squadra, perché davanti a duemila persone abbiamo giocato a testa alta, subìto una rete quasi nel finale di tempo e sfiorato il pari nella ripresa prima che arrivasse una ingiusta espulsione di Valori che ci ha complicato i piani. Ho avuto ottime indicazioni da tutti e da martedì lavoreremo per il prossimo impegno di campionato”.


💬 Commenti

Supplemento telematico del periodico sportivo Lo Sport Illustrato

Registrazione al Tribunale di Siracusa n. 5 del 14.8.2014 | Editore LM Aretusa

Powered by Slyvi