Siracusa a Modica: "Che sia festa di sport". Oggi il Real Siracusa aspetta il Milazzo

Quinta di andata, incroci ad alta tensione: Leonzio sul campo dell'Igea capolista, Palazzolo a Piraino

Domani il primo crocevia della stagione. Siracusa a Modica a caccia di continuità ma soprattutto di un nuovo acuto che sarebbe fondamentale per l'economia del campionato di Eccellenza. Alle 15,30 al “Barone” supersfida fra due delle principali accreditate al salto diretto in D, anche se la sfida cadrà solo alla quinta giornata di andata del girone B di Eccellenza.

“L’auspicio è che sia una bella giornata di sport, con un Siracusa possibilmente vincente”. Così il presidente azzurro Salvo Montagno alla vigilia della delicata trasferta di Modica contro una delle pretendenti alla vittoria finale. “Misureremo le nostre ambizioni – sottolinea il massimo dirigente - con una squadra ben organizzata e attrezzata per puntare in alto. Sarà una partita difficile ma andremo in campo per vincerla, così come facciamo sempre. La squadra è in salute e lo dimostra anche il filotto di successi ottenuto finora. Intendiamo proseguire su questa strada. Non sarà facile perché incontreremo una compagine di qualità, ma noi non siamo da meno. Mi auguro si possa assistere ad una bella partita e che a festeggiare alla fine potremo essere noi. Ci sarà da lottare su tutti i palloni, siamo però pronti a disputare una gara di alto livello”.

I tifosi aretusei potranno seguire la squadra. “Sono contento che la trasferta sia stata autorizzata – dice a tal proposito Montagno – e sono sicuro che i nostri tifosi dimostreranno grande maturità. Stiamo crescendo tutti insieme e dobbiamo continuare così perché il Siracusa possa diventare un modello sia dentro che fuori dal campo. In questa delicata trasferta l’apporto dei nostri supporters sarà importante per cercare di conquistare i tre punti”.

Fra poche ore in campo invece il Real Siracusa, che al “De Simone” alle 15,30 riceverà il Milazzo con l'obiettivo di dare continuità al successo di domenica scorsa nel derby di Palazzolo. In settimana la società ha ufficializzato l'innesto di Drissa Toure, difensore classe 2000, ex Savoia, Troina, Licata, Rotonda e Giarre. 

Domani in campo, poi, Leonzio e Palazzolo. I bianconeri che si trovano al secondo posto al pari del Siracusa saranno di scena a Barcellona Pozzo di Gotto contro l'Igea capolista ad un solo punto. Sfida ad altissima tensione, dunque, in considerazione del fatto che si confronteranno due formazioni in salute. Non così, ma soltanto per una questione di risultati, il Palazzolo di Peppe Matarazzo che si trova in fondo alla classifica ma ha mostrato segni di vitalità in queste settimane e a cui probabilmente manca un episodio favorevole per svoltare. I gialloverdi lo cercheranno domani a Gliaca di Piraino contro la Nebros, anche se non sarà semplice visto che i tirrenici sul proprio campo hanno già sconfitto Siracusa e Modica. 


💬 Commenti