L’Ortigia vince (in acqua), il Telimar no: successo inutile ma d’orgoglio

In finale Len vanno i palermitani favoriti dal successo a tavolino dell’andata

L’Ortigia vince una gara inutile ma almeno regolare, il Telimar esce sconfitto, in acqua ma anche fuori dopo quanto successo per l’assurda decisione della Len per la vittoria a tavolino assegnata ai palermitani nel match di andata (Ortigia falcidiata dal Covid e impossibilitata a raggiungere il capoluogo siciliano per il match di andata).

La gara fila via in perfetto equilibrio: ad una rete ospite, segue il pareggio locale ma in mezzo tanti errori in superiorità ma anche in fase di calibrazione del passaggio, non sempre preciso specie per l’Ortigia entrata in acqua probabilmente un po’ svuotata visto l’esito scontato.

Gli animi si surriscaldano nel terzo tempo, Del Basso dalla panchina viene espulso direttamente e poi uscendo dalla vasca battibecca con alcuni dirigenti aretusei in tribuna e le attenzioni si spostano quasi più fuori campo per il clima infuocato che ha accompagnato questa semifinale di ritorno a causa di un Telimar giudicato certamente poco sportivo.

Il finale si gioca sul filo dei nervi, la rete decisiva è di Klikovac e anche il dopo gara è un po’ acceso ma era inevitabile che filasse tutto liscio.

 

Il tabellino

Ortigia - Telimar 7-6

Ortigia: Tempesti, Cassia 1, F. Condemi 1, A. Condemi, Klikovac 1, Ferrero 1, Di Luciano, Gallo 3, Mirarchi, Rossi, Vidovic 1, Giribaldi, Ruggiero. All. Piccardo.

Telimar: Nicosia, Del Basso, Turchini 1, Di Patti, Occhione 1, Vlahovic, Giliberti, Marziali 1, Lo Cascio, Irving 1, Lo Dico, Basic 1, Washburn. All. Baldineti

Arbitri: Franulovic (Croazia) e Dervieux (Francia).

Parziali: 2-2, 1-1, 2-2, 2-1


💬 Commenti