Albatro - Carpi a Rosolini: “Per condividere lo sport con i nostri sostenitori”

L’ultimo match dell’anno della massima serie di giocherà in provincia dove sarà consentito l’accesso al pubblico

Si giocherà a Rosolini, sabato prossimo, con inizio alle ore 18, Teamnetwork Albatro-Carpi, tredicesima e ultima giornata di andata della Serie A Beretta.
La società siracusana ha deciso di giocare al Palatricomi per consentire ai propri tifosi di seguire dal vivo una partita di campionato e chiudere l’anno insieme. Il Pala “Pino Corso”, per il momento, non è purtroppo totalmente agibile e questo non consente l’accesso del pubblico.
“I nostri tifosi non hanno mai fatto mancare il loro apporto – commenta il presidente dell’Albatro, Vito Laudani – ma, purtroppo, non hanno mai potuto farlo di presenza. Sono certo che a Rosolini saranno felici di sostenere la squadra impegnata in una partita importante per il campionato.”
Oggi, intanto, riprende la preparazione in vista della gara di sabato prossimo. Da oggi il gruppo blu-arancio si butta alle spalle la bella, ma poco fortunata, prestazione di Sassari e concentra il proprio impegno sul Carpi.
“Servirà la migliore Albatro della stagione, - commenta coach Peppe Vinci - i ragazzi lo sanno e metteranno in campo tutte le loro energie.
Lo sport è uno spettacolo che senza pubblico è come una cena privata, per pochi intimi. Il palcoscenico della pallamano a Siracusa merita di più.
Sono sicuro che Rosolini sarà orgogliosa dell’evento e saprà sostenerci, - aggiunge il tecnico siracusano - Siracusa è la nostra città, ma saremo ben lieti di dare uno spettacolo degno ad una piazza come Rosolini che conosce bene la pallamano.
La società ha fatto questa scelta perché vuole condividere il progetto con i sostenitori.
Lo sport? – conclude Vinci - A Siracusa lo sport ha raggiunto l’apice con l’on. Lo Bello che ha tracciato la strada!”.
 


💬 Commenti