Carbonaro esalta ancora la Leonzio, un grande Real s'inchina alla capolista Igea

Bianconeri trascinati dal bomber etneo nel derby col Palazzolo, la squadra di Jemma esce a testa altissima da Barcellona

Nino Carbonaro (foto Costantino) e Giuseppe Alfò (foto Real Siracusa)

Nino Carbonaro sempre più leader della Leonzio. Come nel successo di Santa Teresa di Riva contro lo Jonica, il bomber etneo si erge a protagonista anche del derby casalingo contro il Palazzolo. E il 3-0 è tutto a firma dell'attaccante che nella ripresa, dopo un primo tempo nel quale la squadra di Peppe Matarazzo era stata brava a tenere botta, permette al team di Natale Serafino di vincere la seconda gara consecutiva e staccare, momentaneamente il Siracusa. Gli azzurri come è noto sono rimasti fermi al palo per via del rinvio del match odierno con l'Acicatena vista l'ordinanza del sindaco Francesco Italia.

La gara si recupererà mercoledì e vedrà una squadra, che nel frattempo ha salutato il ds Emanuele Merola dopo le dimissioni annunciate in mattinata, desiderosa di tornare al successo per non perdere ulteriore terreno soprattutto da Modica e Igea che continuano a vincere. I barcellonesi, però, hanno faticato oltre modo nel 5-3 finale contro il Real Siracusa. Perché la squadra di Vittorio Jemma ha dimostrato ancora una volta che contro le grandi riesce ad offrire prestazioni all'altezza. Gli aretusei avevano recuperato il doppio svantaggio iniziale con Ulma e Alfò e dopo una ripresa in inferiorità numerica per l'espulsione di Ballatore, sono sempre rimasti in partita trovando la terza rete con Nanè e dimostrando appunto, con una squadra imbottita di giovanissimi per via di assenze importanti (Melluzzo, Ruiz, Pepe per citarne solo alcuni), di non essere da meno. 


💬 Commenti