Una fase di gioco di Megara-Priolo (foto Francesco Anfuso)
Una fase di gioco di Megara-Priolo (foto Francesco Anfuso)

Un turno favorevole a quasi tutte le formazioni siracusane. Come non lo si era ancora visto sinora. Perché assaporano il gusto del primo successo Palazzolo e Canicattini, l'Avola continua la sua scalata a suon di poker, mentre nello spettacolare 3-3 finale tra Megara e Priolo, il rammarico può essere di entrambe. I primi - a detta dell'entourage augustano - per una direzione arbitrale infelice e il fatto di essere stati raggiunti nel recupero, i secondi per il primo vantaggio e un rigore fallito che avrebbe anche potuto cambiare il destino del match. Alla fine, però, è emerso il buono stato di salute di entrambe non a caso nelle zone alte della classifica, proprio come l'Avola di Sirugo che ha elogiato il gruppo e un successo che non era scontato se non si approcciano nel giusto modo gare di questo tipo.

E poi Palazzolo e Canicattini. I tecnici Peppe Matarazzo e Nicola Bonarrivo hanno esaltato la prova del collettivo, che ha dato finalmente le risposte che ci si attendeva soprattutto in termini di prolificità. E adesso la classifica fa meno paura, anche se siamo soltanto alla quarta di andata con un torneo tutto da vivere. 


💬 Commenti

Supplemento telematico del periodico sportivo Lo Sport Illustrato

Registrazione al Tribunale di Siracusa n. 5 del 14.8.2014 | Editore LM Aretusa

Powered by Slyvi