Finale convulso e rammarico a Canicattini, poker Avola e vicecapolista

La terza giornata sorride alla squadra di Sirugo che però smorza gli entusiasmi

Il rigore realizzato da Andrea Germano

Poker Avola e vicecapolista, al momento, dopo tre giornate di campionato. Il tecnico Attilio Sirugo ha però voluto smorzare gli entusiasmi sulla propria pagina facebook, conoscendo situazioni e tipologie in un campionato ancora lungo e ricco di insidie. Come quelle a cui era andata incontro la sua squadra, con lo svantaggio iniziale, salvo poi sommergere di reti lo Scordia grazie alla doppietta di Tiralongo e le reti di Caldarella e Bonaventura. 

E dire che l'Avola avrebbe potuto chiudere in testa questa giornata di campionato se non si fosse verificato un epilogo incredibile a Canicattini. La squadra di Costantino Forcellini, infatti, era avanti di un gol grazie al rigore trasformato da Andrea Germano, salvo poi essere stata superata al fotofinsh dal Vittoria grazie al rigore di Fabio D'Agosta in pieno recupero e il gol in mischia nell'extra-time che ha fatto infuriare non poco l'entourage locale (contestato lo stesso penalty assegnato ai ragusani e l'eccessivo recupero al quale si è andati poi incontro). Ne ha beneficiato il Vittoria che così ha ottenuto tre punti per un primato che dopo tre giornate può voler dire tanto ma anche nulla. Come il ko subìto dal Priolo di Roberto Regina in casa contro il Misterbianco e il pari del Megara a Vizzini, per il primo punto in campionato ottenuto dalla squadra di Ciccio Migneco. Ora un po' di pausa, viste le imminenti elezioni, poi l'infrasettimanale di Coppa Italia (di fronte Avola e Priolo) e di nuovo campionato. 


💬 Commenti