Non è bastato Alfò in avvio ma l’Avola spera ancora di poter andare a far risultato a Vittoria e qualificarsi ai quarti di finale di Coppa Italia. Anche se il 2-1 finale subìto nel recupero dagli Iblei è suonato come una mazzata per la squadra di Attilio Sirugo.

”Sono orgoglioso dei ragazzi, l’avevamo preparata così e perdere una partita del genere ti brucia - ha detto Sirugo - credo di poter dire senza essere smentito, che il ko sia stato immeritato. Vedremo domenica prossima se riusciremo a ribaltare oppure no, tireremo le somme per questa competizione soltanto dopo domenica. Noi siamo stati all’altezza perché abbiamo anche costretto il Vittoria a fare una gara diversa rispetto alle solite per cui dobbiamo soltanto essere soddisfatti”.

E soddisfatti, a ben donde, si sono detti anche in casa Priolo perché il pokerissimo rifilato al Misterbianco, per più di un tempo in inferiorità numerica per l’espulsione del portiere, è stata una risposta importante anche in ottica campionato. 


💬 Commenti

Supplemento telematico del periodico sportivo Lo Sport Illustrato

Registrazione al Tribunale di Siracusa n. 5 del 14.8.2014 | Editore LM Aretusa

Powered by Slyvi